sabato 13 novembre 2010

Roberto Saviano (vignette e caricature)

modificato post ore 12.15
Lunedì 8 novembre la prima puntata di Vieni via con me di Fazio e Saviano.
Che serata!! BRAVISSIMI!!

http://2.bp.blogspot.com/_aBkS9l-1Deg/TNgAnGDnGkI/AAAAAAAABzE/E4gJHj9m6yU/s1600/bucnic_saviano_foto_segnale.jpg
"Resto qui"- Nicola Bucci "Bucnic"

La puntata di Vieni via con me si è aperta con l'editoriale di Roberto Saviano. «Da un po' di tempo - ha detto lo scrittore - vivo come una sorta di ossessione, che riguarda la macchina del fango, il meccanismo che arriva a diffamare una persona»: per questo «la democrazia è letteralmente in pericolo. Ed è a rischio - ha aggiunto l'autore di Gomorra - nella misura in cui se tu ti poni contro certo poteri, contro questo governo, quello che ti aspetta è un attacco della macchina del fango, che parte da fatti minuscoli della tua vita privata». «C'è differenza - ha detto ancora Saviano - tra inchiesta e diffamazione», perché «la diffamazione usa un solo elemento e lo costruisce contro la persona che decide di diffamare». Lo scopo del meccanismo è «poter dire: siamo tutti uguali» e invece «dobbiamo sottolineare le differenze». Lo scrittore ha poi citato «la storia della casa di Montecarlo di Fini, che è stato intimidito», poi la vicenda di Boffo, «direttore cattolico che inizia a criticare governo da un giornale cattolico (Avvenire, ndr). E la macchina del fango lo presenta come una specie di criminale perché omosessuale: impensabile, incredibile». E ancora la vicenda della «presunta omosessualità di Caldoro (governatore della Campania, ndr)» diventata «l'arma usata da un suo collega di partito, Cosentino». Lo scrittore si è poi rivolto direttamente ai giovani: «Mi piacerebbe raccontarvi di una persona che è riuscita a resistere a una macchina del fango gigantesca, Giovanni Falcone». Di qui un lungo excursus, scandito da brani di articoli di quotidiani - in parte letti anche dall'attrice Angela Finocchiaro - sulle accuse e sui tentativi di delegittimazione del giudice e dell'intero pool antimafia siciliano.


Grazie Roberto!
Paride Puglia PUNCH

“Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con la biro, l’uomo con la pistola è un uomo morto perché la biro da l’eternità”
Roberto Benigni a Roberto Saviano, 8/11/2010
Ritrattino a Saviano -Andy Ventura 

http://www.mamma.am/amici/images/7776_a7527.jpg
Conflitto d'interessi - Sergio Riccardi


Fratello Saviano - il poeta LE COSE DA SALVARE

Benigni - Una battuta dopo l'altra e come filo conduttore Berlusconi e il caso Ruby. La comicità di Roberto Benigni ha fatto irruzione (con successo, a giudicare dagli applausi in studio e dai dati di ascolto del giorno dopo: oltre 7,6 milioni di telespettatori hanno seguito la trasmissione) a Vieni via con me, il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano lunedì sera alla prima puntata su Raitre. «Premetto che i gossip sessuali sono spazzatura. Sono qui per parlare di politica», è stato l'incipit del lungo monologo del premio Oscar. «Se queste notizie venissero confermate, ma io non credo, figurati se è vero, dice che c'è un premier che è stato con una minorenne marocchina, ma per ragioni d'età non è stata resa nota l'identità del premier».
Regali - Patorno http://mauropatorno.blogspot.com/





«SILVIO DIMETTITI» - Rivolgendosi direttamente al presidente del Consiglio, Benigni ha affondato a più riprese il dito nella piaga della sempre più vicina crisi di governo. «Silvio, non ti dimettere, non dare retta a Fini, perché altrimenti ci rovini, non si lavora più. Santoro, Fazio, l'Unità, Repubblica non lavorano più. E poi Ghedini che fa, torna a fare il solito film horror? Silvio, tieni duro, dai retta a me». Quindi il dietrofront, appena accennato: «Silvio dimettiti... Non ne possiamo più». E di nuovo Ruby: «Torniamo a parlare di politica. Dunque, Ruby... Berlusconi ha detto che la vicenda è stata una vendetta dalla mafia. La mafia una volta ti ammazzava, ora invece ti manda due escort in bagno... Io ho il terrore di questo». Per poi incalzare: «Voi mafiosi siete delle bestie, fate schifo. Vi fornisco l'indirizzo del mio albergo a Milano: vendicatevi di me».
(dal Corriere .it /Benigni: gag sul premier, Ruby e la Bindi)


Vado via o Resto qui
- vado via perchè non se ne può più
- vado via perchè non mi sento un eroe
- vado via perchè preferisco i paesi dove ci si può annoiare
- resto qui perchè non ho proprietà ad Antigua
- resto qui perchè non voglio andare ad Antigua
- resto qui perchè voglio dimenticare tutto quello che ho visto
- resto qui perchè voglio sentire le canzoni in italiano
- resto qui per scoprire chi è stato
- vado via perchè mi sa che va via anche Cassano
- vado via perchè non voglio più chiedermi che cosa c'è sotto
- vado via perchè questo è il paese che ha inventato il me ne frego
- resto qui per vedere lo stato conquistare il sud
- resto qui per vedere il tricolore conquistare il nord
- vado via per sentirmi normale
- vado via perchè non voglio vivere in un paese dove comandano le mafie
- resto qui perchè non voglio che le mafie continuino a governare
- vado via perchè non sopporto le feste patronali
- vado via perchè qui si applaude ai funerali
- resto qui perchè questa sera ho ascoltato Roberto Benigni
- resto qui perchè questa sera mi hanno fatto un regalo Roberto  Benigni e    Claudio       Abbado
- resto qui perchè mi hanno fatto un regalo Claudio   Abbado,  Roberto Benigni,    Angela Finocchiaro e tanti altri e resto qui perchè ho  fame e voglio ammazzarmi di carboidrati
- li mangiamo insieme a loro
- vado via perchè preferisco mangiare peggio ma vivere meglio
- vado via perchè il cinquantennale di Piazza Fontana non potrei sopportarlo
- resto qui perchè a dicembre ci sono le arance buone
- vado via perchè ... può bastare
- vado via perchè mi è già bastato
- vado via perchè a Milano cacciano i bambini rom
- vado via perchè deve essere bellissimo tornare qui da turista
- vado via perchè non voglio vedere crollare altri pezzi di Pompei mi fa troppo male
- resto qui, resto qui finchè Mina non torna in tv
- e allora...
- resto qui perchè i figli non li sposti facilmente
- resto qui perchè sono italiano
- vado via  se tu vieni con me perchè dobbiamo sgombrare il palco che c'è il finale...




Patorno http://mauropatorno.blogspot.com/

vieniviaconme
ancora uno stop di Masi al programma di Fazio e Saviano
Matteo Bertelli

Nota: Benigni ha citato gli amici di Spinoza
preso da Spinoza scrive stark:
Cari amici,

noi di Spinoza teniamo a chiarire che la cosa fatta a Vieni via con me con Roberto Benigni, pur mai sbandierata per ovvie ragioni di riservatezza, era decisa da tempo: ci siamo incontrati ed è nata una collaborazione che ci ha fatto felici tutti, ieri sera eravamo lì in platea ad applaudirlo e non possiamo che esserne onorati.

Per questo: grazie a Roberto e a tutti voi, che ogni giorno animate questo posto e avete reso possibile tutto questo. 9/11/2010


----------------------------------------------------------------------
Puoi leggere anche:

Nessun commento:

Posta un commento