martedì 2 giugno 2020

Ci ha lasciati Christo, l'artista che ha portato un milione di persone a camminare sul lago d'Iseo

Christo passed away today, on May 31, 2020, at his home in New York City. Christo and Jeanne-Claude have always made clear that their artworks in progress be continued after their deaths. L'Arc de Triomphe, Wrapped (Project for Paris) is still on track for Sept. 18–Oct. 3, 2021.

È morto a NewYork, all'età di 84 anni, Christo, l'artista che impacchettava i monumenti e aveva realizzato l'opera "The Floating Piers" nelle acque del Lago d'Iseo.
Christo e Jeanne-Claude, erano il progetto artistico comune dei coniugi statunitensi Christo Yavachev (Христо Явашев) (Gabrovo, 13 giugno 1935 – New York, 31 maggio 2020) e Jeanne-Claude Denat de Guillebon (Casablanca, 13 giugno 1935 – New York, 18 novembre 2009) fra i maggiori rappresentanti della Land art e realizzatori di opere su grande scala. 
Christo è principalmente l'artista delle opere, mentre Jeanne-Claude è l'organizzatrice
 («Le opere destinate al pubblico sono firmate da Christo e Jeanne-Claude, i disegni da Christo»).

In genere le opere sono interamente finanziate dalla vendita dei disegni preparatori, collage o modellini.
Dal 1972 tutti i loro lavori sono fotografati esclusivamente da Wolfgang Volz; mentre per almeno cinque dei loro maggiori lavori è stato prodotto anche un documentario da parte di Albert e David Maysles.



Christo and Jeanne-Claude
The Floating Piers, Lake Iseo, Italy, 2014-16
Photo: Wolfgang Volz
© 2016 Christo
Per sedici giorni, dal 18 giugno al 3 luglio 2016, il Lago d'Iseo è stato reinventato. 100.000 metri quadrati di tessuto giallo luccicante, trasportati da un sistema modulare di pontili galleggianti di 220.000 cubi di polietilene ad alta densità, ondulati dal movimento delle onde mentre
  The Floating Piers si alzava appena sopra la superficie dell'acqua.

I visitatori hanno potuto sperimentare l'opera d'arte camminandoci da Sulzano a Monte Isola e verso l'isola di San Paolo, che è stata incorniciata da The Floating Piers . Le montagne che circondano il lago offrivano una vista a volo d'uccello di The Floating Piers , esponendo angoli inosservati e modificando le prospettive. Il lago d'Iseo si trova 100 chilometri a est di Milano e 200 chilometri a ovest di Venezia.

"Come tutti i nostri progetti, The Floating Piers  era assolutamente gratuito e aperto al pubblico", ha affermato Christo. “Non c'erano biglietti, aperture, prenotazioni e proprietari. I Floating Piers erano un'estensione della strada e appartenevano a tutti. "

Una passerella lunga 3 chilometri è stata creata mentre The Floating Piers si estendeva sull'acqua del Lago d'Iseo. I moli erano larghi 16 metri e alti circa 35 centimetri con i lati inclinati. Il tessuto è proseguito lungo 2,5 chilometri di strade pedonali a Sulzano e Peschiera Maraglio.

"Coloro che hanno sperimentato  The Floating Piers  si sono sentiti come se camminassero sull'acqua - o forse sul dorso di una balena", ha detto Christo. "La luce e l'acqua hanno trasformato il tessuto giallo brillante in sfumature di rosso e oro per i sedici giorni."

Nella primavera e nell'estate del 2014, Christo, Vladimir Yavachev - Direttore operativo, Wolfgang Volz - Project Manager e fotografo ufficiale, e Josy Kraft - Registrar / Curator, hanno esplorato i laghi del Nord Italia. Insieme al direttore del progetto Germano Celant, hanno trovato il Lago d'Iseo il luogo più stimolante. Da quel momento hanno lavorato a fianco dei membri del team di tutto il mondo per realizzare The Floating Piers .

The Floating Piers è stato concepito per la prima volta da Christo e Jeanne-Claude nel 1970. È stato il primo progetto su larga scala di Christo da quando Christo e Jeanne-Claude hanno realizzato The Gates nel 2005, e da quando Jeanne-Claude è deceduta nel 2009. Come con tutto Christo e i progetti di Jeanne-Claude, The Floating Piers è  stato interamente finanziato dalla vendita delle opere d'arte originali di Christo. Dopo la mostra di 16 giorni, tutti i componenti sono stati rimossi e riciclati industrialmente.
Christo e Jeanne-Claude
avvolgono il monumento a Vittorio Emanuele II, Piazza del Duomo, Milano, Italia, 1970
© 1970 Christo
Il monumento al re d'Italia Vittorio Emanuele II, in Piazza del Duomo, e il monumento a Leonardo da Vinci, in Piazza della Scala, furono avvolti con tessuto di polipropilene e corda di polipropilene rosso, nell'autunno del 1970, a Milano, Italia.

Il tessuto era stato precedentemente cucito secondo schemi che consentivano ampie pieghe. I due monumenti avvolti potevano essere visti dal centro della Galleria , contemporaneamente, ad ogni estremità del passaggio commerciale pedonale a volta del XIX secolo. Il monumento a Vittorio Emanuele II fu proiettato di fronte alla cattedrale della fine del XIV secolo, il Duomo , mentre il monumento a Leonardo da Vinci si trovava di fronte al teatro alla Scala del XVIII secolo e al Municipio di Milano.

Tutte le spese sono state a carico degli artisti.

Il  monumento avvolto a Vittorio Emanuele II è  rimasto per due giorni, mentre il  monumento avvolto a Leonardo da Vinci è  rimasto per una settimana.


Christo and Jeanne-Claude
Surrounded Islands, Biscayne Bay, Greater Miami, Florida, 1980-83
Photo: Wolfgang Volz
© 1983 Christo
Il 7 maggio 1983, l'installazione di  Surrounded Islands  fu completata nella Baia di Biscayne, tra la città di Miami, North Miami, il Village of Miami Shores e Miami Beach. Undici delle isole situate nell'area di Bakers Haulover Cut, Broad Causeway, 79th Street Causeway, Julia Tuttle Causeway e Venetian Causeway erano circondate da 6,5 ​​milioni di piedi quadrati (603,870 metri quadrati) di tessuto galleggiante in polipropilene rosa che copre la superficie del acqua e si estende per 200 piedi (61 metri) da ogni isola nella baia. Il tessuto è stato cucito in 79 motivi per seguire i contorni delle 11 isole.

Per due settimane, le  Isole Circondate , che si estendono per 7 miglia (11,3 chilometri), sono state viste, avvicinate e godute dal pubblico, dalle strade rialzate, dalla terra, dall'acqua e dall'aria. Il luminoso colore rosa del tessuto lucido era in armonia con la vegetazione tropicale delle disabitate isole verdeggianti, la luce del cielo di Miami e i colori delle acque poco profonde della baia di Biscayne.

Christo and Jeanne-Claude
The Umbrellas, Japan-USA, 1984-91
Photo: Wolfgang Volz
© 1991 Christo

Christo and Jeanne-Claude
The Umbrellas, Japan-USA, 1984-91
Photo: Wolfgang Volz
© 1991 Christo
All'alba, il 9 ottobre 1991, i 1.880 operai di Christo e Jeanne-Claude iniziarono ad aprire i 3.100 ombrelli a Ibaraki e in California, alla presenza degli artisti in entrambi i siti. Questa opera d'arte temporanea Giappone-USA riflette le somiglianze e le differenze nei modi di vivere e nell'uso della terra in due valli interne, una lunga 12 miglia (19 chilometri) in Giappone e l'altra lunga 18 miglia (29 chilometri) Negli USA.

In Giappone, la valle si trova a nord di Hitachiota ea sud di Satomi, a 75 miglia (120 chilometri) a nord di Tokyo, attorno alla Route 349 e al fiume Sato, nella Prefettura di Ibaraki, sulle proprietà di 459 proprietari terrieri privati ​​e agenzie governative. Negli Stati Uniti, la valle si trova a 60 miglia (96,5 chilometri) a nord di Los Angeles, lungo l'Interstate 5 e il Passo Tejon, tra sud di Gorman e Grapevine, sulle proprietà del Ranch Tejon, 25 proprietari terrieri privati ​​e agenzie governative.

Undici produttori in Giappone, Stati Uniti, Germania e Canada hanno preparato i vari elementi degli ombrelli: tessuto, super-struttura in alluminio, basi con telaio in acciaio, ancore, supporti per base in legno, borse e coperture per base stampate. Tutti i 3.100 ombrelli furono assemblati a Bakersfield, in California, da dove furono spediti in Giappone i 1.340 ombrelli blu.

A partire dal dicembre 1990, con una forza lavoro totale di 500 unità, Muto Construction Co. Ltd. a Ibaraki e AL Huber & Son in California hanno installato le ancore di terra e le basi in acciaio sotto la supervisione dei gestori dei siti Akira Kato in Giappone e Vince Davenport a Gli stati uniti. Le coperture della base della piattaforma di seduta sono state posizionate tra agosto e settembre 1991. Dal 19 settembre al 7 ottobre 1991, un'ulteriore forza lavoro di costruzione ha iniziato a trasportare gli ombrelli nelle basi assegnate, li ha imbullonati alle maniche riceventi e li ha sollevati a posizione chiusa verticale. Il 4 ottobre, studenti, braccianti agricoli e amici, 960 negli Stati Uniti e 920 in Giappone, si sono uniti alla forza lavoro per completare l'installazione di  The Umbrellas. Ogni ombrello era alto 6 metri (19 piedi 8 pollici) e diametro 8,66 metri (28 piedi 5 pollici).

L'opera d'arte temporanea da 26 milioni di dollari di Christo e Jeanne-Claude è stata interamente finanziata dagli artisti attraverso The Umbrellas, Joint Project for Japan e USA Corporation (Jeanne-Claude Christo-Javacheff, presidente). Gli artisti non accettano sponsorizzazioni. Tutti i precedenti progetti di Christo e Jeanne-Claude sono stati finanziati in modo simile attraverso la vendita di studi, disegni preparatori, collage, modelli in scala, prime opere e litografie originali.

La rimozione è iniziata il 27 ottobre e il terreno è stato riportato alle condizioni originali. Gli ombrelli sono stati smontati e la maggior parte degli elementi è stata riciclata.

Gli Ombrelli , moduli dinamici autoportanti, riflettevano la disponibilità del terreno in ogni valle, creando uno spazio interno invitante, come case senza mura o insediamenti temporanei e legati al carattere effimero dell'opera d'arte.

Nello spazio prezioso e limitato del Giappone, gli ombrelli erano posizionati intimamente, vicini e talvolta seguendo la geometria delle risaie. Nella rigogliosa vegetazione arricchita dall'acqua tutto l'anno, gli ombrelloni erano blu. Nella vastità della California di pascoli incolti, la configurazione degli ombrelli era stravagante e si diffondeva in ogni direzione. Le colline marroni sono coperte da erba bionda. In quel paesaggio secco, gli ombrelli erano gialli.

Dal 9 ottobre 1991 per un periodo di diciotto giorni,  gli Ombrelli  furono visti, avvicinati e goduti dal pubblico, sia in auto da una distanza più vicina mentre confinavano con le strade, o camminando sotto  Gli Ombrelli  nelle loro ombre luminose.

Christo e Jeanne-Claude
The Pont Neuf Wrapped, Parigi, 1975-85
Foto: Wolfgang Volz
© 1985 Christo
Il 22 settembre 1985, un gruppo di 300 lavoratori professionisti completò l'opera d'arte temporanea  The Pont Neuf Wrapped . Avevano dispiegato 450.000 piedi quadrati (41.800 metri quadrati) di tessuto in poliammide, dall'aspetto setoso e dall'arenaria dorata, che coprivano:

I lati e le volte dei dodici archi, senza ostacolare il traffico fluviale.
I parapetti scendono a terra.
Marciapiedi e cordoli (i pedoni camminavano sul tessuto).
Tutti i lampioni su entrambi i lati del ponte.
La parte verticale del terrapieno della punta occidentale dell'Île de la Cité.
L'esplanade del Vert-Galant.
Il tessuto è stato trattenuto da 8 miglia (13 chilometri) di corda e fissato da 12,1 tonnellate di catene d'acciaio che circondano la base di ogni torre, 3,3 piedi (1 metro) sott'acqua.

I Charpentiers de Paris guidati da Gérard Moulin, con subappaltatori francesi, furono assistiti dagli ingegneri statunitensi che avevano lavorato ai precedenti progetti di Christo e Jeanne-Claude, sotto la direzione di Theodore Dougherty: Vahé Aprahamian, August L. Huber, James Fuller , John Thomson e Dimiter Zagoroff. Johannes Schaub, direttore del progetto, ha presentato il metodo di lavoro e i piani dettagliati e ha ricevuto l'approvazione del progetto dalle autorità della città di Parigi, del dipartimento della Senna e dello Stato. 600 monitor, in equipaggi di 40, guidati da Simon Chaput, stavano lavorando 24 ore su 24 per mantenere il progetto e fornire informazioni, fino alla rimozione del progetto il 7 ottobre.

Tutte le spese per  The Pont Neuf Wrapped  sono state sostenute dagli artisti come nei loro altri progetti attraverso la vendita di disegni preparatori e collage, nonché di opere precedenti. Gli artisti non accettano sponsorizzazioni di alcun tipo.

Iniziato sotto Enrico III, il Ponte Neuf fu completato nel luglio del 1606, durante il regno di Enrico IV. Nessun altro ponte a Parigi offre una tale varietà topografica e visiva, oggi come in passato. Dal 1578 al 1890, il Pont-Neuf subì continui cambiamenti e aggiunte del tipo più stravagante, come la costruzione di negozi sul ponte sotto Soufflot, l'edificio, la demolizione, la ricostruzione e ancora una volta la demolizione della massiccia struttura rococò che ospitava il La pompa dell'acqua di Samaritaine.

Avvolgere il Pont-Neuf ha continuato questa tradizione di successive metamorfosi con una nuova dimensione scultorea e l'ha trasformata, per 14 giorni, in un'opera d'arte. Le corde tenevano il tessuto sulla superficie del ponte e mantenevano le forme principali, accentuando il rilievo enfatizzando le proporzioni e i dettagli del Pont-Neuf, che ha unito le rive sinistra e destra e l'Île de la Cité, il cuore di Parigi, per oltre 400 anni.



A causa della pandemia di COVID-19,  L'Arc de Triomphe, Wrapped , inizialmente previsto per l'autunno 2020, è stato posticipato di un anno. Le nuove date sono: da sabato 18 settembre a domenica 3 ottobre 2021.

Christo, in stretta collaborazione con il Centre des Monuments Nationaux e il Centre Pompidou, realizzerà un'opera d'arte temporanea a Parigi intitolata  L'Arc de Triomphe, Wrapped (Progetto per Parigi), Place de l'Étoile - Charles de Gaulle . Questa opera d'arte sarà esposta per 16 giorni da sabato 18 settembre a domenica 3 ottobre 2021. L'Arco di Trionfo sarà avvolto in 25.000 metri quadrati di tessuto in polipropilene riciclabile in blu argenteo e 7000 metri di corda rossa.

Come preludio a  L'Arco di Trionfo, Wrapped , una grande mostra, presentata al Centre Georges Pompidou, ripercorrerà gli anni di Christo e Jeanne-Claude a Parigi dal 1958 al 1964, così come la storia di  The Pont Neuf Wrapped, Project per Parigi, 1975-85 . "La mostra al Centre Pompidou svelerà il contesto storico del periodo durante il quale abbiamo vissuto e lavorato a Parigi", afferma Christo.

Nel 1961, tre anni dopo essersi incontrati a Parigi, Christo e Jeanne-Claude iniziarono a creare opere d'arte negli spazi pubblici. Uno dei loro progetti era quello di avvolgere un edificio pubblico. All'epoca Christo, che stava affittando una piccola stanza vicino all'Arco di Trionfo, fece diversi studi su un progetto lì, incluso, nel 1962, un fotomontaggio dell'Arco di Trionfo avvolto, visto da Avenue Foch. Negli anni '70 e '80, Christo ha creato alcuni studi aggiuntivi. Quasi 60 anni dopo, il progetto sarà finalmente concretizzato.

L'Arc de Triomphe, Wrapped  sarà interamente finanziato da Christo attraverso la vendita dei suoi studi preparatori, disegni e collage del progetto, nonché modelli in scala, opere degli anni '50 e '60 e litografie originali su altri argomenti. Non riceverà fondi pubblici.

Il Centre des monumenti nationaux, l'istituzione governativa che gestisce l'Arco di Trionfo, è lieta della realizzazione di un progetto che dimostra il suo impegno per la creazione contemporanea e che onora uno dei monumenti più emblematici di Parigi e della Francia.

The Eternal Flame, di fronte alla Tomba del Milite Ignoto all'Arco di Trionfo, continuerà a bruciare durante la preparazione e l'esposizione delle opere d'arte. Come sempre, le associazioni di veterani e i volontari impegnati nei valori della Repubblica francese garantiranno la continuità del ricordo e la cerimonia quotidiana di riaccendere la fiamma che rende omaggio al Milite Ignoto e a coloro che hanno perso la vita combattendo per la Francia.

"Trentacinque anni dopo che Jeanne-Claude e io abbiamo avvolto il Pont-Neuf, sono impaziente di lavorare di nuovo a Parigi per realizzare il nostro progetto per l'Arco di Trionfo", afferma Christo.

Confermata, invece, la retrospettiva al Centre Pompidou, inizialmente in calendario a partire dallo scorso 18 marzo, e ora slittata a data da destinarsi. Secondo una dichiarazione ufficiale, diffusa sui canali social del museo, la mostra – dedicata ai primi anni della produzione di Christo e della moglie Jeanne-Claude – si terrà non appena l’istituzione sarà nuovamente in grado di ricevere i suoi visitatori.


Il sito ufficiale: https://christojeanneclaude.net/

venerdì 29 maggio 2020

La morte di George Floyd indigna il mondo



WOUNDER KNEE
L'atroce video della morte in diretta dell'uomo soffocato a terra dal ginocchio di un poliziotto negli USA sta provocando un'ondata di proteste in tutto il paese e di sdegno in tutto il mondo.
Purtroppo i precedenti non mancano (anche storici)  ma è inevitabile constatare che quasi sempre le vittime sono uomini di colore e appartenenti alle classi emarginate.
Gianfranco Uber


Violenza
Gianlorenzo Ingrami



#Minneapolis #BlackLivesMatter #MinneapolisRiot #Usa #GeorgeFloyd #JusticeForGeorgeFloyd 
Non respiro.
Oggi per @repubblica
Mauro Biani



George Floyd
Hemad Hajjaj
https://politicalcartoons.com/sku/239632



Persisten Racism
Dario Castillejos
https://politicalcartoons.com/sku/239654


Enablers standing silently by


George Floyd
David Zyglis
https://politicalcartoons.com/sku/239661/


George Floyd also can't breathe
Dave Granlund
https://politicalcartoons.com/sku/239522


Filming Police Brutality
Kevin Siers
https://politicalcartoons.com/sku/239520/


L'America nera non riesce a respirare  Maarten Wolterink
La morte violenta di George Floyd ha sconvolto l'America e il mondo.
29 maggio 2020
https://www.cartoonmovement.com/cartoon/67586 
 

The murder of George Floyd  Marco De Angelis
...
https://www.cartoonmovement.com/cartoon/67630


I can breathe now!.  Fadi Abou Hassan-FadiToOn
After George Floyd's Death.
28 May 2020
https://www.cartoonmovement.com/cartoon/67609



Stati Uniti, afroamericano soffocato: esplode la rabbia.
#Statiuniti #USA #GeorgeFloyd #america
Durando

CRONACHE DI ORDINARIO RAZZISMO, LA PROTESTA INFIAMMA DETROIT.
Sono nazionalisti, suprematisti bianchi, negano l’olocausto, hanno una visione radicale ed estrema della religione cristiana o sognano di tornare ai bei tempi in cui gli Stati Uniti erano divisi in Nord e Sud e nei campi del Sud lavoravano gli schiavi. Il più antico è quello dei grotteschi incappucciati del Ku Klux Klan.
Durando




Steve Sack


Lacrima
GIO / Mariagrazia Quaranta

I Fatti
"Lasciatemi, non riesco a respirare...". Sono le ultime parole pronunciate da George Floyd, un uomo afroamericano morto in seguito al brutale trattamento a cui è stato sottoposto da un agente di polizia, che nel tentativo di arrestarlo lo ha bloccato a terra premendogli il collo con un ginocchio. È successo a Minneapolis, in Minnesota, e l'intera sequenza è stata filmata da una passante.

Nel video si vede l'agente di Polizia Derek Chauvin bloccare per diversi minuti Floyd - disarmato - dopo che era già stato ammanettato. "Per favore, non riesco a respirare, mi fa male lo stomaco. Mi fa male il collo. Ti prego. Non riesco a respirare", ripete Floyd. I passanti che si sono radunati intorno all'agente lo invitano a sollevare il ginocchio dal collo. Il poliziotto però non si muove, finché Floyd non smette di parlare.
Sul caso - simile a quello del newyorchese Eric Garner, ucciso ida un poliziotto nel 2014 - sta indagando l'Fbi.
 È successo a Minneapolis: nel video diffuso da una passante si vede un agente premergli un ginocchio sul collo per diversi minuti.
La sua morte ha fatto nascere grandi proteste a Minneapolis, diventate via via più violente nel corso degli ultimi giorni.

giovedì 28 maggio 2020

Nominati i primi esperti che controlleranno il contenuto di Facebook




© Elena Ospina




The Facebook Oversight Board is an entity that makes content moderation decisions on the social media platform, specifically about handling appeals for blocked or removed content. Proposed in November 2018 by Mark Zuckerberg, the first members of the board were announced on May 6 2020.

Facebook said the board's members have lived in 27 countries and speak at least 29 languages, though a quarter of the group and two of the four co-chairs are from the United States, where the company is headquartered. The co-chairs, who selected the other members jointly with Facebook, are former U.S. federal circuit judge and religious freedom expert Michael McConnell, constitutional law expert Jamal Greene, Colombian attorney Catalina Botero-Marino and former Danish Prime Minister Helle Thorning-Schmidt. Among the initial cohort are: former European Court of Human Rights judge András Sajó, Internet Sans Frontières Executive Director Julie Owono, Yemeni activist and Nobel Peace Prize laureate Tawakkol Karman, former editor-in-chief of The Guardian Alan Rusbridger, and Pakistani digital rights advocate Nighat Dad.





Facebook ha annunciato i primi membri del suo nuovo consiglio di sorveglianza, un comitato internazionale di giudici, giornalisti e accademici che aiuteranno a guidare la politica dell'azienda sulla libertà di espressione. Tra i 20 membri del consiglio di amministrazione che hanno deciso di contribuire a stabilire una politica per i social network ci sono Helle Thorning-Schmidt, ex primo ministro danese; il premio Nobel per la pace Tawakkol Karman; e Alan Rusbridger, l'ex caporedattore del Guardian.
 I primi quattro membri del consiglio, che detengono tutti il ​​titolo di copresidente, sono stati selezionati direttamente da Facebook. Thorning-Schmidt è uno di questi, ed è affiancato da due professori di legge statunitensi, Jamal Greene e Michael McConnell, e Catalina Botero Marino, ex relatrice speciale per la libertà di espressione presso l'Organizzazione degli Stati americani. Quei quattro, in combinazione con Facebook, hanno selezionato i successivi 16 membri e continueranno a nominare i membri del consiglio fino a quando il consiglio non raggiungerà il suo pieno complemento di 40. A quel punto, Facebook dice che abbandonerà il processo, lasciando il consiglio completamente in carica della sua stessa composizione. "Il nostro elenco comprende tre ex giudici, sei ex o attuali giornalisti e altri leader con esperienze nella società civile, nel mondo accademico e nel servizio pubblico", ha affermato Thomas Hughes, direttore del consiglio di sorveglianza. "Rappresentano una raccolta diversificata di contesti e credenze, ma tutti hanno un profondo impegno nel promuovere i diritti umani e la libertà di espressione".



Ecco chi giudicherà i vostri contenuti su Facebook 
Il social network si dota di una commissione di controllo indipendente, l'Oversight board, che dovrà intervenire su controversie su post, discorsi violenti, privacy 

Facebook è sempre più determinato a ripulire la sua immagine dopo gli scandali da cui è stato colpito negli ultimi anni soprattutto su privacy e contenuti. Così, dopo aver annunciato a inizio anno la decisione di dare vita a un organismo indipendente di controllo che sarà chiamato a pronunciarsi in materia di contenuti e di gestione delle attività dei profili, il 6 maggio ha nominato i primi venti membri del suo Oversight board. A queste prime nomine si aggiungeranno poi altri venti nomi che saranno scelti nei prossimi mesi, fino a un totale di quaranta persone. Non si tratta di manager scelti all’interno della società di Menlo Park, ma di giornalisti, esperti di legge, difensori dei diritti individuali, professionisti di diversi ambiti e professori universitari. Nel comitato siedono, per esempio, la politica Tawakkol Karman, premio Nobel per la Pace nel 2011, l’ex direttore del Gurdian, Alan Rusbridger, che ha vinto il premio Pulitzer per il reportage sul caso Edward Snowden e molte altre personalità giuridiche e politiche internazionali, come l’ex primo ministro danese Helle Thorning-Schmidt, tra le quattro donne ai vertici del board (qui la lista completa dei nomi). Il ruolo fondamentale di questa “corte” sarà dunque quello di prendere decisioni su alcune delle questioni più problematiche per la piattaforma, come i contenuti molesti o discorsi che incitano all’odio e alla violenza pubblicati su pagine e gruppi, oppure questioni relative alla privacy dei suoi ormai oltre 2,6 miliardi di utenti attivi ogni mese, stando agli ultimi dati aggiornati dalla società nei risultati trimestrali dei primi mesi del 2020. Inoltre, le decisioni prese dai membri dell’Oversight board sull’eliminazione o meno dei contenuti di Facebook e di Instagram non potranno essere modificate da parte della società, e ci sarà l’obbligo di pubblicare ogni sentenza, così che gli utenti possano fare eventualmente ricorso. A garantire l’indipendenza di questo nuovo organo c’è poi la sua stessa struttura, e tutte le operazioni di gestione sono sostenute da un fondo apposito da 130 milioni di dollari che non può essere revocato ed è autonomo rispetto alle finanze del colosso di Menlo Park, precisano le quattro co-presidenti. Tutti i membri dell’Oversight board, poi, rimangono in carica per tre anni e non sono dipendenti di Facebook, quindi non potranno essere licenziati dalla piattaforma, ma verranno nominati dal vertice del comitato stesso in base alla loro professionalità e competenza.
Andrea Pitozzi per Wired




Aggiungi didascalia

Freedom of expression on social networks  Naji Benaji
In Morocco, a bill banning freedom of expression on social networks

07 May 2020

mercoledì 27 maggio 2020

Covid e censura, denuncia di Elchicotriste

Shameful management of the spanish government  Miguel Villalba Sánchez (Elchicotriste)
The shameful management of the spanish government in the sanitary crisis of covid-19 brought us to be world nº1 in rate of death and contamination per million inhabitants. Also nº 1 in the world for rate of sanitary workers infected. Ignoring WHO warnings til 9th march to allow massive parades for political reasons, buying disfunctional material to non approved enterprises, monitorising social media and censoring profiles of journalists critical with their scandals and silencing and firing authorities ready to report their reckless management.
Gestione vergognosa del governo spagnolo  Miguel Villalba Sánchez (Elchicotriste)
La vergognosa gestione del governo spagnolo nella crisi sanitaria di covid-19 ci ha portato ad essere il numero 1 al mondo in termini di mortalità e contaminazione per milione di abitanti. Anche nº 1 al mondo per tasso di operatori sanitari infetti. Ignorando gli avvertimenti dell'OMS fino al 9 marzo per consentire enormi parate per motivi politici, acquistare materiale disfunzionale per le imprese non approvate, monitorare i social media e censurare i profili dei giornalisti critici con i loro scandali e silenziare e licenziare le autorità pronte a denunciare la loro gestione sconsiderata.
27 maggio 2020



Manipulated press  Miguel Villalba Sánchez (Elchicotriste)
The governments are censoring "non subventioned" press on TV, radio and social media.
14 Apr 2020




Non dormire. Non perdere la tua capacità di indignarti, il tuo spirito critico, non smettere di denunciare tutto ciò che stanno facendo, instancabilmente, informare, condividere, resistere.
La premessa è che se una rana viene improvvisamente messa in acqua bollente, salterà, ma se la rana viene messa in acqua tiepida che viene lentamente portata a ebollizione, non percepirà il pericolo e si cucinerà a morte.
La storia è spesso usata come metafora dell'incapacità o della riluttanza delle persone a reagire o essere consapevoli delle minacce sinistre che si presentano gradualmente anziché improvvisamente ".
Elchicotriste con questo disegno trovato sul web spiega la situazione che sta vivendo.





I got this notification in my mail this morning, I don't know or they never specified the content they talk about being against their norms since I've been blocked for 7 days, I wasn't posting contents since a week agor after they blocked me. My old profile with more than 12 years old has been literally deleted if you try the access, from PC or mobile phone. I had been posting lots of cartoons and newspaper links, related to the terrible gestion of the sanitary system that our new socio-communist government has done. I was being harrassed by chavists some days before. Now when I click to try to get it back they ask me for a document (which they already have), but when I upload again my DNI for identification they block the access anyway. The old profile "Miguel Villalba Sánchez" has been literally deleted, disappeared, and the page of "Elchicotriste" keeps online but I can't manage it anymore or access to it: my artist page was depending on my leading profile "Miguel Villalba Sánchez", so I don't have access to it anymore. I'm not the first one, not the last of the profiles with a certain amount of followers which is suffering of this totalitarian censorship abuse. 2 months ago Zuckerberg signed an agreement with Newtral, and Madito (maldito bulo), two organisms depending on spanish government to monitorise social media, censoring critic contents about the gestion of the new minoritie's coalition government of Pedro Sánchez (socialist) and Pablo Iglesias (communist).They are now in full process of Macarthism, censoring and eliminating dissident profiles, just like they do in the chavist Venezuela or the Castrist Cuba, but in the heart of europe. This is terrifying. Please denounce and report this dangerous lack of freedom of expression which is worringly increasing in the last times, conveniently manipulated and hidden behind a theoretical state of allarm which the government use to eliminate their critics. Thank you! (Elchicotriste)

Miguel Villalba Sánchez, aka “elchicotriste” (Tarragona 1972), cartoonist and clinical psychologist. He has published in several newspapers around the world such as universal post (Sunderland,UK), Il Tempo (Italy), El Triangle (Spain), Le Monde (France), France Ouest (France), Cartoon Movement (Netherlands). Currently onTottarragona.cat (Spain), “Notícies Tarragona”,TV3 (catalan TV) or “Siné Mensuel” (France) among others.
He has received several prizes such as “Fundació Victor Mora”comic award, “SOS Racisme”,”comicstrip contest Barcelona”, “Canadian Committee for World Press Freedom- UNESCO”, Digital data (Colombia) etc. Member of CARTOONING FOR PEACE, founder of the NGO “CARTOONISTS WITHOUT BORDERS” and of the comic fanzine DELIRÓPOLIS Surrealismo y Arte secuencial” (www.deliropolis.com), also coordinator of the “COMICART WEEK” in Tarragona.


---------------------------------------------------------------------------------------------------

Purtroppo non solo in Spagna, ma in tutto il mondo c'è censura.
Riporto due articoli molto interessanti pubblicati il 3 maggio scorso in occasione della giornata mondiale della libertà di stampa.

Perché la pandemia sta minacciando la libertà di stampa in tutto il mondo
È in pericolo fra ritorsioni, attacchi e censure governative. L’allarme è stato lanciato da diverse organizzazioni internazionali: nel “new normal” non devono rientrare anche le limitazioni al ruolo dei giornalisti

Tre giornalisti su quattro hanno affrontato restrizioni ufficiali, ostruzioni o intimidazioni durante la copertura della Covid-19. Questo è il dato più importante che emerge da un sondaggio condotto dall’Ifj (International Federation of Journalists) su oltre 1300 giornalisti in prima linea in 77 paesi in occasione della giornata internazionale per la libertà di stampa. Un’analisi che ha visto concordare gli intervistati in “un peggioramento delle condizioni” dei loro media nei rispettivi paesi.
Eppure, ricevere tempestivamente le informazioni con dati precisi e puntuali significa compiere le giuste decisioni e avere un’opinione pubblica informata: il tutto allo scopo di contrastare la diffusione del virus, ridurre il contagio e vincere. Ma, se già all’inizio della pandemia, in Cina la censura ha avuto la meglio – non a caso vari post che criticavano le autorità sono spariti dai social network e alcuni citizen journalist sono stati direttamente censurati – anche nel resto del mondo, evidentemente, le cose non stanno andando meglio. Anzi.

Sergei Satsuk, in Bielorussia, rischia dieci anni di carcere per un editoriale che metteva in dubbio i dati ufficiali sui casi di contagio nel paese. Dina Zelenskaya, giornalista televisiva di Espresso Tv in Ucraina, ha subito un’aggressione mentre faceva un servizio sui ristoratori e le regole da rispettare durante il lockdown. In Venezuela, i giornalisti Darvinson Rojas di Tw e Beatríz Rodríguez di Verdad de Vargas sono stati arrestati per avere documentato casi positivi a Caracas. In totale, il 24 per cento degli intervistati dall’Ifj dichiara di avere difficoltà a reperire fonti indipendenti, il 3 per cento di essere stato aggredito e il 2 per cento denunciato.

I dati fanno preoccupare perché mostrano una tendenza globale. E, anche se in Europa la situazione appare più sotto controllo, non bisogna abbassare la guardia, considerati anche gli episodi avvenuti in Spagna e Belgio. Volendo categorizzarli, i tipi di attacchi alla libertà di stampa durante la pandemia possono essere suddivisi in cinque aree: un uso improprio della legislazione di emergenza, una repressione delle segnalazioni “non patriottiche”, restrizioni sui viaggi e sugli accrediti stampa, l’abuso delle leggi sulla disinformazione e un attacco ai whistleblowers, scrive Meera Selva sul sito del Reuters Institute for the Study of Journalism. Eppure, come sostiene Pierre Haski su France Inter “un’informazione libera e affidabile è indispensabile per superare questa prova”.

Perché la pandemia sta minacciando la libertà di stampa in tutto il mondo
È in pericolo fra ritorsioni, attacchi e censure governative. L’allarme è stato lanciato da diverse organizzazioni internazionali: nel “new normal” non devono rientrare anche le limitazioni al ruolo dei giornalisti

Tre giornalisti su quattro hanno affrontato restrizioni ufficiali, ostruzioni o intimidazioni durante la copertura della Covid-19. Questo è il dato più importante che emerge da un sondaggio condotto dall’Ifj (International Federation of Journalists) su oltre 1300 giornalisti in prima linea in 77 paesi in occasione della giornata internazionale per la libertà di stampa. Un’analisi che ha visto concordare gli intervistati in “un peggioramento delle condizioni” dei loro media nei rispettivi paesi.

Eppure, ricevere tempestivamente le informazioni con dati precisi e puntuali significa compiere le giuste decisioni e avere un’opinione pubblica informata: il tutto allo scopo di contrastare la diffusione del virus, ridurre il contagio e vincere. Ma, se già all’inizio della pandemia, in Cina la censura ha avuto la meglio – non a caso vari post che criticavano le autorità sono spariti dai social network e alcuni citizen journalist sono stati direttamente censurati – anche nel resto del mondo, evidentemente, le cose non stanno andando meglio. Anzi.

Un paradosso – ma soprattutto una necessità – di cui si erano subito accorte nove associazioni (Ifj compresa) che, difendendo da sempre questo diritto, hanno scritto, lo scorso 25 marzo, una lettera a difesa della libertà di stampa indirizzata alle istituzioni europee con l’obiettivo di contrastare i ricorrenti attacchi in Europa. “Scriviamo perché siamo profondamente preoccupati dalle azioni dei governi, che si approfittano della pandemia da Covid-19 per punire i media indipendenti e introdurre restrizioni al margine di manovra degli stessi”, precisavano. Con il timore che esempi di restrizioni da paesi più autoritari arrivino a infettare anche le democrazie liberali.

Una minaccia globale
[...]




La libertà di stampa non può cadere vittima del Covid-19
L’intervento e l’appello del Ceo della Thomson Reuters Foundation nel World Press Freedom Day
di Antonio Zappulla*
Mentre il mondo cerca di far fronte alla velocità e alle dimensioni della devastazione provocata dal Covid-19, la necessità di accedere a informazioni fidate, accurate e indipendenti è più intensa che mai. Con tassi mondiali di mortalità che non sembrano voler rallentare, un’economia mondiale sbalzata dal suo asse e la società in una situazione di stallo, questa è un’emergenza che non ha precedenti. Lo faremmo con gli occhi bendati. Ogni giorno che passa ci costa migliaia di vite. Ma senza la libera e vitale circolazione delle informazioni – insegnamenti appresi da altri paesi, avvertimenti dei medici, perizie degli scienziati, comunicazioni di orientamento al pubblico – non siamo nemmeno in grado di lottare.

La presenza di media liberi e vitali è più importante che mai. Eppure, uno degli effetti catastrofici di questa crisi è che sta spianando la strada alla repressione della libertà di stampa in tutto il mondo. Sembra che stia emergendo uno schema pericoloso: alcuni governi approfittano sempre più della pandemia per adottare misure di severità via via crescente, che impongono limitazioni alla copertura giornalistica. A breve termine tali misure sono estremamente dannose. Ma le conseguenze a lungo termine della soppressione del giornalismo indipendente potrebbero erodere in modo significativo le libertà civili.

Perché si sta verificando tutto ciò? Esistono tre ragioni principali alla base della limitazione della libertà di stampa diretta dallo stato. La prima: alcuni governi, mossi dalla disperazione, stanno intervenendo soprattutto per contrastare la rapida diffusione di informazioni fuorvianti, alimentata dall’elevata fiducia riposta nei social media e da una maggior sete di notizie. Ma le misure adottate da questi paesi – persino da nazioni democratiche che finora hanno sostenuto la prosperità e la diversità dei media – non conoscono precedenti. Solo un mese fa, il governo del Sudafrica ha varato una nuova legge che criminalizza la disinformazione sul Covid-19, sanzionandola con pene detentive. Questa mossa ha destato la preoccupazione delle organizzazioni mondiali di difesa della libertà di stampa, tra cui il Committee to Protect Journalists, che fa notare che, per contrastare la minaccia della disinformazione, il governo dovrebbe concentrarsi esso stesso sulla comunicazione di informazioni affidabili, invece di aprire la strada alla censura della stampa.

Nel Regno Unito, la forte reazione del governo a determinate coperture mediatiche che criticavano la sua gestione della crisi, ha indotto Richard Horton, direttore della rivista medica The Lancet ad accusare il governo di «riscrivere deliberatamente la storia, con la sua continua campagna di disinformazione sul Covid-19». Nel frattempo, il primo ministro Narendra Modi ha presentato una serie di richieste che incoraggiano le principali agenzie di stampa indiane a pubblicare «storie positive e ispiratrici» sulla risposta del governo alla pandemia, citando la necessità di respingere le «dicerie» e la «negatività».

La seconda ragione per limitare la libertà di stampa è quella di sopprimere attivamente le notizie che potrebbero far sollevare critiche alle politiche e alla leadership in risposta alla crisi. Il Presidente Trump ha attirato le critiche delle organizzazioni per la libertà di stampa dopo aver biasimato apertamente i giornalisti che pongono domande sulla sua gestione della crisi durante le conferenze stampa. In Serbia è stato segnalato che alcuni giornalisti sono stati arrestati per avere pubblicato servizi sulle carenze di attrezzature mediche, mentre in Slovenia e nella Repubblica Ceca ai giornalisti viene impedito di partecipare alle conferenze stampa. Nel frattempo, a marzo l’Egitto ha espulso Ruth Michaelson del Guardian a causa del suo articolo sullo studio di un team di specialisti di malattie infettive che metteva in dubbio il numero ufficiale di casi di coronavirus nel paese. Analogamente, ad aprile l’Iran ha revocato la licenza dell’agenzia di stampa Reuters per aver segnalato una discrepanza tra le cifre ufficiali e quelle effettive del coronavirus. La sospensione è stata in seguito revocata.

Infine, nei paesi in cui la libertà di stampa si trova già sotto attacco, l’intervento di controllo delle informazioni per il «bene pubblico» viene attualmente sfruttato per acquisire maggior potere politico. Solo tre settimane fa, il parlamento ungherese ha varato una legge che autorizza il Primo Ministro Viktor Orbán a governare per decreto, assegnandogli poteri d’emergenza senza precedenti, apparentemente fino al termine della pandemia. Chiunque diffonde «informazioni false» rischia una condanna a cinque anni di reclusione. Le misure hanno attirato le dure critiche della Commissione in data europea, e tredici Stati membri dell’UE hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che esprime grave preoccupazione in merito al potenziale impatto sui diritti e sulle libertà fondamentali.

Lo stato di emergenza recentemente dichiarato dalla Giordania attribuisce al Primo Ministro Omar Razzaz il potere di «monitorare il contenuto di giornali, annunci e di ogni altro metodo di comunicazione prima della pubblicazione, e di censurare e chiudere qualsiasi agenzia senza
giustificazione», oltre che di imporre numerose altre limitazioni ai diritti fondamentali. La violazione della legge può essere sanzionata anche con pene detentive.

La Cina intanto insiste che grazie alle sue misure autoritarie – tra cui la revoca dei visti di un ampio numero di giornalisti internazionali – è riuscita a controllare il virus. Questa tesi è difficile da contestare in mancanza di notizie da parte della stampa libera. (La giornalista freelance Li Zehua, una delle prime a coprire la pandemia, è scomparsa).

Dagli arresti in Venezuela e Turchia al decreto di emergenza della Romania che consente alle autorità di chiudere siti web ed eliminare i contenuti considerati «fake news», fino alla Russia, dove nuove leggi vengono utilizzate per censurare i servizi sulla pandemia: la legge viene trasformata in un’arma contro la libertà di stampa, e i giornalisti vengono azzittiti. Se ignorate, le conseguenze reali e devastanti per il libero accesso alle informazioni saranno durature e catastrofiche.

Thomson Reuters Foundation utilizza il potere del giornalismo insieme a quello della legge per difendere e promuovere la libertà di stampa, il vero fondamento della democrazia. La nostra risposta più immediata alla pandemia comprende la collaborazione con organizzazioni partner – tra cui il World Economic Forum, il Global Fund, Google e l’OCSE – al fine di valutare le capacità giornalistiche nei paesi su cui incombe la pandemia. Il Covid-19 ha fatto molte vittime. Ma non possiamo permettere che tra le vittime della pandemia ci sia anche la libertà di stampa.

*Ceo della Thomson Reuters Foundation

martedì 26 maggio 2020

Vince la Gentilezza di Fabio Magnasciutti la 49 edizione Umoristi a Marostica


49^ edizione
Umoristi a Marostica 


Vince la Gentilezza
di Fabio Magnasciutti (Italia)

Romina Carrara (Argentina)
Julio Carrion Cueva (Perù)


Assegnati i premi dei vincitori della 49^ edizione del concorso internazionale di grafica umoristica.
La mostra al Castello Inferiore solo rinviata, ma con un innovativo tour virtuale delle opere.

Sono
445 le opere arrivate da 59 paesi diversi per la 49^ edizione di Umoristi a Marostica, dedicata al tema della Gentilezza.

La giuria, presieduta da Costantin Sunnerberg, ha assegnato


il “Gran Premio Internazionale Scacchiera” a Fabio Magnasciutti (Italia)


il Premio speciale “Marco Sartore” a Romina Carrara (Argentina) 



il Premio speciale “Sandro Carlesso” a Julio Angel Carrìon Cueva (Perù)

Il Premio Internazionale Umoristi a Marostica delle opere finaliste è stato assegnato a pari merito a
Tiziano Gianesini (Italia);
Michele Barbon (Italia);
Heibat Ahmadi (Iran);
Davide Weber (Italia);
Marco Spadari (Italia);
Flavio Masi e Antonello Mengato (Italia);
Toso Borkovic (Serbia);
 Marlene Pohle (Argentina);
Maria Assunta Toti Buratti (Italia);
Davide Conti (Italia).


A causa del perdurare dell’emergenza Coronavirus, non è stato possibile allestire la tradizionale mostra al Castello Inferiore con le opere dei vincitori e le 100 opere selezionate. L’esposizione, organizzata dal Gruppo Grafico Marosticense in collaborazione con la Città di Marostica, è solo rinviata. A breve infatti verrà realizzato un innovativo tour virtuale che premetterà di visitare anche da lontano le antiche sale del Castello abitate da queste opere contemporanee.

La mostra “Umoristi a Marostica 2020” vanterà inoltre come Salone d’Autore le opere di Constantin Sunnerberg, raffinato illustratore di origine russa ma belga di adozione, che ha presieduto la giuria di questa edizione.

La giura di “Umorosti a Marostica 2020” è composta da Constantin Sunnerberg (presidente); Alessandro Gatto; Ferruccio Giromini; Maurizio Minoggio; Maria Grazia “Gio” Quaranta; Alessandro Tich; Fondazione Banca Popolare di Marostica – Volksbank; Comune di Marostica; Gruppo Grafico Marosticense.

“Umoristi a Marostica” è organizzato dal Gruppo Grafico Marosticense in collaborazione con il Comune di Marostica e con il supporto di Fondazione Banca Popolare di Marostica Volksbank.

A breve potrete visionare tutte le opere su www.umoristiamarostica.it

lunedì 25 maggio 2020

CONCORSO: PREMIO LETTERARIO SCARAMUZZA




PREMIO LETTERARIO SCARAMUZZA
Destinato alla letteratura per ragazzi

I Edizione

DEDICATA A DONNE AUTRICI

SCADENZA ISCRIZIONI: 15.10.2020



Nell’anno in cui Parma, città di artisti e letterati, è eletta a Capitale Italiana della Cultura, coinvolgendo tutto il territorio parmense, è occasione per dare avvio nel Comune di Sissa Trecasali alla prima edizione di un concorso letterario intitolato ad un illustre personaggio, pittore e poeta, nato proprio a Sissa nel 1803, Francesco Scaramuzza.


Il tema di quest’anno è:

“Ispirandosi alla figura di Maria Luigia D’Austria, Duchessa di Parma.”
I libri, o racconti, non devono essere necessariamente a carattere storico ma
possono essere storie di fantasia, di qualsiasi genere letterario; la figura della
duchessa è da intendersi come pura ispirazione.
Così pure per quanto riguarda la poesia.

Il concorso si rivolge a scrittrici e poetesse, donne, e gli elaborati
devono essere destinati agli adolescenti.

Il Premio Letterario Scaramuzza è nato da un’idea dell’Assessorato alla
Cultura del Comune di Sissa Trecasali, la gestione e realizzazione è stata
affidata all’Associazione Parma OperArt APS dall’Amministrazione Comunale
stessa.

BANDO

lunedì 18 maggio 2020

L'omaggio dei disegnatori italiani a Ezio Bosso


La prematura e improvvisa scomparsa di Ezio Bosso ha rattristato e commosso chiunque lo conoscesse. Era una persona, unica, speciale e meravigliosa e non posso che aggiungere al dolore profondo di tutti, anche il mio, che stavolta sfiora anche la mia vita professionale.
Mi ha infatti ricordato un suo grande sogno, che voleva realizzare e che mi riguardava in prima persona.
Anni fa ebbi infatti l’onore e l’opportunità di conoscerlo a Torino, e l’incontro nacque proprio da una sua specifica richiesta, perché voleva raccontarmi personalmente un suo grande desiderio : girare l’Italia dirigendo un’orchestra che suonasse in diretta la colonna sonora di “Allegro non troppo”, proiettato contemporaneamente sugli schermi dei teatri.
Amava moltissimo quel film e accarezzava da tempo quest’ambiziosa idea che lo stimolava e appassionava.
Mantenere i sincroni del film in diretta, con un’orchestra dal vivo, era un’impresa difficilissima, e glielo dissi, ma mi assicurò che per lui sarebbe stato possibile.
E naturalmente non avevo dubbi e l'idea non poteva che entusiasmarmi, conoscendo chi me la proponeva…
Con la sua scomparsa, oltre ad una magnifica e grande persona, muore così anche questo fantastico sogno, destinato a restare nel mondo della fantasia, ma che rappresentava perfettamente il suo coraggio e il desiderio di sfide sempre nuove e stimolanti.
E si è spenta anche una fiammella dentro di me.
Bruno Bozzetto


Mi è stato chiesto se potevo disegnare qualcosa sulla scomparsa di Ezio Bosso, musicista e pianista torinese che soffriva da alcuni anni di una malattia neurodegenerativa.
Ho aperto in photoshop un documento quadrato bianco e ho iniziato a disegnare a mente libera. Questo è quello che ne è uscito. Spero sia adeguato.
#EzioBosso #musica #Torino
Stefano Tartarotti





Ezio Bosso è LA risposta! #eziobosso #watercolor #drawing #cartoon #vignette
Luc Garcon


A Ezio Bosso. Ars est celare artem, l’arte consiste nel celare l’arte. Come in un disegno il segno si nasconde in altri segni, nella musica accade lo stesso, il gioco a nascondino accresce il mistero nel far convivere solennità e sberleffo, dolore e scherzo. Dolore traslato in consolazione. In un tempo in cui l’arte non è rappresentata, essa vibra più potente di prima. Te ne sei andato amplificando questo sentire, con una forza che trasforma il fatale destino in rinascita. Non potevo non omaggiarti di un piccolo e personale ringraziamento, che mi viene dal midollo, laddove neanche il cuore basta più ad accogliere la più profonda, insondata e potente verità, la meraviglia che si fa vita.
Beppe Mora



Ezio Bosso" - Omaggio al grande compositore, pianista e direttore d'orchestra che ha commosso e incantato il mondo, morto a Bologna il 15 Maggio scorso ....Addio al Maestro..di musica e di vita
Marco D'Agostino



Dedico ad Ezio Bosso una mia vecchia vignetta sulla musica. E' una melodia che avrebbe potuto dirigere o suonare lui stesso.
Marco De Angelis

Umberto Rigotti



Alagon /Cabras


Grazie, Ezio.
#eziobosso
https://gianloingrami.blogspot.com/2020/05/grazie-ezio.html



#EzioBosso
Oggi su la Repubblica
Mauro Biani


Lele Corvi


Il maestro che faceva volare le note
Antonio Gallo



CIAO EZIO!
Grazie per la Musica che ci hai regalato!
---
Fonte QUA:
https://www.lastampa.it/spettacoli/musica/2020/05/15/news/e-morto-ezio-bosso-il-pianista-che-sapeva-commuovere-1.38846979
---
AfNews QUA:
http://www.afnews.info/wordpress/2020/05/15/ciao-ezio/
Moise


Ricordatevi che la musica, come la vita, si può fare in un modo solo: insieme". Ezio Bosso
Paride Puglia

Omaggio a Ezio Bosso
Paride Puglia


Così ricordavo il Maestro Ezio Bosso nel 2016.... mi piaceva molto come artista e come persona. La sua scomparsa fa ancora più triste questa giornata piovosa
Perazzolli
Buon viaggio maestro
Perazzolli




Qualche tempo fa da Radio Dj mi hanno chiesto di registrare queste emozionantissime parole di Ezio Bosso. In seguito Sky Classic le ha usate su questa sequenza di immagini di Ezio stesso dopo la sua esecuzione dei Carmina Burana all’Arena di Verona. Oggi questi momenti voglio condividerli con voi, per salutarlo insieme.
Stefano Accorsi per Ezio Bosso



L'intervista di Diego Bianchi a Ezio Bosso (10/04/2020)
15 maggio 2020 muore a 48 anni Ezio Bosso, vi riproponiamo una delle sue ultime apparizioni televisive qui a Propaganda Live il 10 aprile




GRAZIE EZIO!