lunedì 20 novembre 2017

MA COS'È QUESTA CARTA? di Dino Aloi



Dino Aloi


MA COS'È QUESTA CARTA?


 Appunti per un’indagine metodologica su caricatura, umorismo, satira e fumetto


copertina di "Ma cos'è questa carta?"

© Edizioni Il Pennino - Torino 2017
Via Monte Rosa 106 - 10154 Torino



Di prossima pubblicazione il libro "Ma cos'è questa carta?", una raccolta di tutti gli scritti di Dino Aloi realizzati in occasione di mostre, eventi, articoli e introduzioni di libri.
460 pagine che rappresentano la passione per la storia della satira e per l'umorismo.

In copertina: scritta su elaborazione grafica di testate di giornali (L'Asino,
Retro copertina: l'autore visto da Fabio Sironi

I dati contenuti sono davvero molti e spaziano nei vari capitoli da piccole indagini nel mondo del fumetto a introduzioni a iosa su argomenti molto diversi di cui mi sono occupato, per arrivare a profili di autori (che nella realtà andrebbero ad arricchire i 54 profili presentati nel libro Non se ne avvertiva il bisogno) per arrivare ad una serie di interviste ormai lontane nel tempo a giganti del disegno come Giorgio Cavallo, Franco Bruna, Karel Thole o Carlo Jacono.




vignetta di Dino Aloi


D'Alema - la mossa del cavallo
Franco Bruna




BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Dino Aloi (Torino 1964), giornalista-pubblicista iscritto all'Albo dal 1990, ha diretto vari periodici tra cui la rivista satirica Sbadiglio. Laureato in Lettere moderne, Semiologia, con una tesi sui meccanismi di comunicazione dell’umorismo e della satira. Vignettista e illustratore ha collaborato con La Gazzetta dello Sport, Radiocorriere TV, La Notte, La Gazzetta del Piemonte, Paese Sera, Il Travaso, Mondo B, Sport Sud, Missioni Consolata, Il Lunedì di Repubblica Meditime, Almanach Vermot ed altre. Ha realizzato vignette per la trasmissione Gran Premio in onda su Rai Uno in prima serata nel 1990. In totale ha pubblicato più di 4.000 vignette. Autore di testi per fumetti disegnati da Cesare Lo Monaco pubblicati sulle riviste Piccolo Missionario, Messaggero dei Ragazzi e il Corrierino dei Piccoli. Ha esposto in rassegne umoristiche di tutto il mondo, vincendo talvolta qualche riconoscimento. Tra gli altri Bordighera, Oldemburg (Germania), Haifa (Israele), Gallarate, Vercelli. Ha tenuto mostre personali a Saint Jean Cap Ferrat, St. Esteve, Laveno e Firenze. Suoi disegni sono esposti in permanenza in musei tedeschi, turchi, spagnoli, giapponesi e brasiliani. Curatore e coordinatore di antologie satiriche, come “Caro Giulio” (su Andreotti, 1987), “Un lavoro da ridere” (sulla Camera del Lavoro, Feltrinelli 1991), “Mal costume mezzo gaudio” (antologia di vignette di Giorgio Cavallo, 1992), “L'altra storia d'Italia” (1996). Con Silvia Jacovitti ha realizzato un'antologica dedicata alla figura del grande artista “Benito Jacovitti”. Ha curato poi, con Emilio Isca, un altro evento analogo, sull'artista francese “Raymond Peynet” (Peynet, tutto l'amore che c'è, 2001) mentre nel 2004 con Alberto Gedda e Gian Paolo Caprettini dà vita alla mostra “Una TV da Ridere”. Nello stesso anno con Aldo Mola realizza il volume “Giovanni Giolitti nella satira politica” e ancora nel 2005 organizza una grande antologica dedicata a “Bruno Bozzetto”. Con Paolo Moretti ha curato “Storia d’Italia nel pennino della satira” (2006) e “Ludere et ledere” (2007). Per la Regione Valle d’Aosta ha realizzato nel 2008 “Il Sorriso Graffiato” e nel 2009 “La Valle dei Fumetti” e per il comune di Sarezzo “Far West, si replica in Valtrompia” (2007). Ha diretto con Alessandro Prevosto il Museo del Sorriso di Bajardo (in Liguria). Con Claudio Mellana ha dato vita al Premio "Giorgio Cavallo" per la Satira e l'Umorismo e realizzato nel 2010 il dizionario “Umoristi in Piemonte”. Sempre nel 2010 in collaborazione con lo storico Aldo Mola e il collezionista Paolo Moretti realizza “Dalla Storia alla satira”. Nel 2011 per il Consiglio regionale del Piemonte organizza la mostra “La donna immaginata, l’immagine della donna”, nel 2012 “Da moneta unica a unica moneta”, esposizione internazionale sul tema dell’euro, nel 2013 “Casimiro Teja”, grande antologica sull’artista, e nel 2014 “Matite di Guerra”, una mostra sulla prima guerra mondiale con materiale preso da giornali italiani, francesi, inglesi, olandesi e tedeschi. Dal 1981 ha organizzato circa 300 esposizioni, pubblicato come editore (Il Pennino) 200 volumi e realizzato una ventina di libri per altri editori come esperto e storico della satira. Dal 2012 è il direttore responsabile del mensile on line Buduàr (www.buduar.it)


sabato 18 novembre 2017

Frank Hoppmann e la sua mostra Animalism al Frankfurt Cartoon Museum

Frank Hoppmann e la sua mostra Animalism al Frankfurt Cartoon Museum
Di Francisco Punal Suarez - Speciale per Fany Blog

Erdogan, presidente de Turquía - Frank Hoppmann - Premio Lápiz Alado de Oro 2017.



Frank Hoppmann y su exposición  “Animalism” en el Museo de la Caricatura de  Frankfurt.
Por Francisco Punal Suarez, Especial para Fany Blog

Frank Hoppman (Lingen, 1975)  es  un artista alemán excepcional. Un maestro del retrato, que nos asombra a todos.

En estos días, por su caricatura de Recep Tayyip Erdogan, el caudillo turco, Hoppmann ha ganado el Premio “Lápiz  Alado de Oro”, dotado de cinco mil euros, el galardón más importante de los caricaturistas alemanes, que le fue entregado en Dresde. En este certamen,  211 dibujantes de Alemania, Austria y Suiza habían presentado más de 1000 obras.

domenica 12 novembre 2017

Mario Magnatti Mariom visto da GIO


Work progress è giunto al termine.
Questa è l'ultima img della caricatura fatta da Gio all'amico e rivale Mario Magnatti Mariom.



Mario Magnatti Mariom  visto da GIO

© GIO / Mariagrazia Quaranta




Questa è una foto di Mario Magnatti Mariom scattata a Salsomaggiore Terme, durante la premiazione dei World Humor Awards, dove ho avuto l'onore di conoscere entrambi gli artisti.




Work in progress 5

Particolare della caricatura di Gio

stasera scoprirete chi è!!

Hai presente quando ti viene una gran voglia di giocare? :)

Giochi con me o vuoi sapere subito chi è?
Naturalmente lo conosci ... perchè è tra i tuoi contatti

GIO / Mariagrazia Quaranta

Work in progress 4

Quarta immagine della caricatura che Gio sta ultimando...

Hai presente quando ti viene una gran voglia di giocare? :)

Giochi con me o vuoi sapere subito chi è?
Naturalmente lo conosci ... perchè è tra i tuoi contatti

GIO / Mariagrazia Quaranta

La bicicletta nel mondo di Francisco Punal Suarez

Ciclista con scarpa gigante, Madrid - Francisco Punal.


Art Bike, Museo d'Arte Contemporanea di Lione, Francia - Francisco Punal.


La bicicletta en el mundo
Por Francisco Punal Suarez

La búsqueda de imágenes insólitas, raras, curiosas, humorísticas o críticas es un gran reto que se consigue con los ojos bien abiertos y la cámara lista.

Recorrer los lugares visitados, con la cámara en ristre, en una especie de cacería fotográfica, para captar imágenes sorprendentes, es una diversión que exige entrenamiento, y que ratifica a la fotografía como el arte contemporáneo más apreciado.

En esta ocasión, quiero mostrar a los lectores de Fany Blog, algunas fotos que he tomado con el tema de la bicicleta, un medio de transporte que utilizan millones de personas, y que su uso contribuye a no contaminar nuestro planeta.

A mi memoria de cinéfilo, viene a la mente el filme “Ladrones de bicicletas”, dirigida por Vittorio de Sica, en 1948, considerada una de las cintas emblemáticas del neorrealismo italiano, una sobrecogedora y brillante obra de arte, ubicada en la postguerra, y que junto a Umberto D , Milagro en Milán, y Roma, ciudad abierta, permanecen vivas en la historia del cine.

Quiero lanzar un mensaje a favor de la bicicleta y de los ciclistas que muchas veces sufren brutales accidentes por las arbitrariedades e irrespeto de los conductores de automóviles.

Las imágenes, tomadas en varias ciudades, comunican varias situaciones de la vida real con relación a las bicicletas.

Para no dejar de mencionar a la caricatura en este artículo, quiero recordar que la 19ª edición del concurso bianual “Euro-kartoenale Kruishoutem”, del 2013, que se celebró en Bélgica, estuvo dedicado a la bicicleta, donde 718 dibujantes de 79 países, enviaron 2483 obras.

El primer premio correspondió a Mohsen Asadi (Irán); el segundo, a Pavel Constantin (Rumanía), y el tercero, a Ross Thomson (Reino Unido) .

La mejor entrada europea fue para Constantin Sunnerberg, y la mejor entrada belga fue para Nikola Hendrickx , ambos de Bélgica.

El premio del Centro Europeo de la Caricatura correspondió a Marco D'Angelo, y la portada del catálogo fue a manos de Angelo Campaner, ambos de Italia.


Giardino biciclette - Le Perreon, Francia - Francisco Punal.



Bicicletta fatto con patate - Coristanco, Galizia - Francisco Punal.


Bicicletta danneggiata - Galizia - Francisco Punal



Bicicletta sul balcone, Barcellona - Francisco Punal.



Biciclette parcheggiate a Francoforte, in Germania - Francisco Punal.



Bicicletta con una ruota, Barcellona - Francisco Punal.


Ladri di biciclette un film di Vittorio De Sica



La bicicletta nel mondo
di  Francisco Punal Suarez

La ricerca di immagini insolite, rare, curiose, umoristiche o critiche è una grande sfida che si ottiene con gli occhi aperti e la fotocamera pronta.

Per visitare i luoghi visitati, con la macchina fotografica pronta, in una specie di caccia fotografica, per catturare immagini incredibili, è un divertimento che richiede la formazione e che ratifica la fotografia come l'arte contemporanea più apprezzata.

In questa occasione voglio mostrare ai lettori di Fany Blog, alcune foto che ho preso con il tema della bicicletta, un mezzo di trasporto utilizzato da milioni di persone e che il suo utilizzo contribuisce a non inquinare il nostro pianeta.

Il mio ricordo come un cinefilo, mi viene in mente il film "Ladri di biciclette", diretto da Vittorio de Sica, nel 1948, considerato uno dei film emblematici del neorealismo italiano, un'opera schiacciante e brillante d'arte, situata nel dopoguerra, e che insieme a “Umberto D”, “Miracolo a Milano” e “Roma, città aperta”, rimangono vivi nella storia del cinema.

Voglio inviare un messaggio a favore della bicicletta e dei ciclisti che spesso subiscono incidenti brutali a causa dell'arbitrarietà e del mancato rispetto dei conducenti automobilistici.

Le immagini, riprese in diverse città, comunicano diverse situazioni di vita reale in relazione alle biciclette.

Ma non dimentico il disegno umoristico in questo articolo, vorrei ricordarvi che la 19esima edizione del "Euro-kartoenale Kruishoutem", tenutasi in Belgio nel 2013, è stata dedicata al bicicletta, dove 718 fumettisti provenienti da 79 paesi hanno inviato 2483 disegni.

Il primo premio è andato a Mohsen Asadi (Iran); il secondo, Pavel Constantin (Romania) e il terzo, Ross Thomson (Regno Unito).

Il miglior ingresso europeo è stato per Constantin Sunnerberg, e la migliore voce belga è stata per Nikola Hendrickx, entrambe dal Belgio.

Il premio del Centro Europeo della Caricatura corrispondeva a Marco D'Angelo, e la copertina del catalogo era a cura di Angelo Campaner, sia dell'Italia.


 Premio del ECC: Marco D'Agostino (Italy)

Cover Award: Angelo Campaner (Italia)


*********


Grazie Francisco per questo interessante articolo, apprezzo tantissimo la 'bicicletta'
e riporto qui sotto, il disegno di Paolo Dalponte, che ben rappresenta quanto j'adore questo veicolo.





di Fany - Blog anche:

due raccolte molto belle a tema 'la bicicletta'

sabato 11 novembre 2017

venerdì 10 novembre 2017

Work in progress 2

Seconda immagine della caricatura che Gio sta ultimando...


GIO / Mariagrazia Quaranta


Chi è?

---------------------------------------------

Work in progress 1

giovedì 9 novembre 2017

Elezioni siciliane : le vignette del giorno dopo


UN OPERA D'ARTE
Stando agli exit poll in Sicilia se ancora c'è incertezza su chi avrebbe vinto di certo sembra che il perdente sia il PD di Renzi.
Pare che Michelangelo dicesse che il segreto era di togliere tutto il superfluo ma
primo: non esagerare;
secondo: era Michelangelo.
Gianfranco Uber


SICILIA, LA RIVOLTA DEI PUPI
Uno spettacolo molto atteso, ma con scarsa affluenza di pubblico: ha votato meno della metà degli aventi diritto (46,76 per cento). Detto altrimenti: il 53,24 dei siciliani non crede alle promesse dei politici.
Ivano Sartori



Exit pool
Giannelli




Il miracolo di Renzi
Giannelli






ElleKappa



ElleKappa



Toscano in fumo
Mario Bochicchio




Gattopardo
Mauro Biani



Flop Sicilia terremota Pd, ma Renzivuole resistere.
Durando



PD
Paolo Lombardi


Il nuovo che avanza
Paride Puglia




Stai sereno
Beppe Mora


Nella sinistra vige la legge del "cupio dissolvi"
Giuliano Rossetti


Dopo le elezioni
Fulvio Fontana


Sicilia, il centrodestra davanti Il M5S insegue, disfatta del Pd.
Nico Pillinini

PD=Partito Dèbâcle
Pillinini




#ElezioniSicilia2017 #ElezioniRegionaliSicilia2017 #elezionisicilia #Renzi #vignette #umorismo #satira #rosatellum #politica #PD
Airaghi


INTANTO, AL CLUB DEI PERDENTI
Natangelo




FULL IMMERSION NELL’AMORE
Natangelo



RIPARTE IL TRENO DI RENZI
Nico Pillinini



SE…

Voci dal Pd, dopo la sconfitta: «Se ci fosse stata più generosità a sinistra e maggiore apertura al centro avremmo giocato le nostre carte anche contro una destra unita… Se Pietro Grasso avesse accettato di candidarsi… Se quelli di Mdp non ci avessero traditi… Se una certa sinistra non avesse appoggiato Fava». E questo sarebbe un ragionare da politici? Con i se e con i ma, la storia non si fa. L'unica replica possibile: se mia nonna avesse le ruote, sarebbe una carriola. Oppure: se mio nonno avesse sette palle, sarebbe un flipper. Perché non: e se il Pd buttasse fuori Renzi e tutto il suo Giglio magico? Questo si può ancora fare. La storia siete voi. Non siate pecore del pastore che vi conduce al macello.
Ivano Sartori