domenica 2 ottobre 2011

Scandali a Parma, si dimette il sindaco.

http://4.bp.blogspot.com/-FkPG2zwghgs/ToY5esMljII/AAAAAAAAAnc/emKTSZRit_A/s1600/1867_01102011_grane_cor.jpg
Parma - Rocco Grieco

 Hanno detto:
Bernazzoli: "Le dimissioni? Dovevano arrivare prima"
(presidente della provincia)
Scandali a Parma, si dimette il sindaco.
Si è finalmente tolto il prosciutto dagli occhi.

Travolto dallo scandalo degli ultimi arresti eccellenti  si è dimesso lo scorso 28 settembre  il sindaco di Parma Pietro Vignali, scrivendo una lettera.
Spetta a Elvio Ubaldi, che di Vignali è stato il maestro politico prima che tra i due volassero stracci, leggerla. Assente per gravi motivi familiari.
Peccato che dalla splendida idea  della Carta di Parma siamo finiti così in basso.

Questa è la lettera dell'ormai ex primo cittadino:
"Cari parmigiani,
con le dimissioni si chiude la mia esperienza da sindaco e da amministratore di questa città. Dimissioni di cui il Consiglio Comunale sarà chiamato a prendere atto.
Questa non è per me una decisione facile, perché non è semplice cancellare più di 13 anni di vita dedicati a tempo pieno alla mia città, non risparmiandomi mai e mettendoci tutta la mia volontà e le mie capacità.
Se avessi compiuto una scelta nel mio interesse personale mi sarei dimesso già a giugno: mi sarei risparmiato tre mesi di difficoltà e di pressioni enormi, di estenuanti mediazioni, di attacchi personali.
Non mi sono dimesso allora perché bisognava portare a termine alcune opere fondamentali per la città e garantire la realizzazione di eventi fondamentali come il Festival Verdi.
In questi ultimi tre mesi, infatti, siamo riusciti a fare cose che erano assolutamente indispensabili, cose che andavano fatte: abbiamo votato i nuovi Piani industriali delle Aziende, assestato il Bilancio comunale, portato avanti diversi cantieri, terminato e inaugurato opere.
Altre sarebbero ancora da fare, ma ora è accaduto un altro fatto grave che vede coinvolto un assessore della mia Giunta.
Adesso le inchieste giudiziarie non riguardano più solo dei funzionari comunali ma esponenti politici dell’Amministrazione. La differenza è decisiva. E mi obbliga ad affrontare tutte le mie responsabilità, che non sono personali ma politiche. La mia coscienza, il mio modo d’intendere la politica, il rispetto per il mio ruolo di sindaco me lo impongono.
In Italia, nel centrodestra e nel centrosinistra, le dimissioni non si danno neppure davanti alle condanne, figuriamoci quando non si è nemmeno indagati. Tuttavia questo non è per me un motivo sufficiente per rimanere. E’ una scelta dolorosa, amara. Ma un sindaco deve saper fare anche questo.
In questi anni Parma è migliorata enormemente, nei servizi quanto nelle opportunità. Poche altre città sono state così dinamiche e fattive, e raggiungere questi risultati è stata una delle soddisfazioni più grandi della mia vita. Sicuramente non sono stato esente da errori. Ma ho fatto tanto, abbiamo fatto tanto insieme, incoraggiati dai cittadini che non volevano tornare all’immobilismo del passato.
La crisi economica mondiale ha inciso profondamente su progetti avviati da diversi anni, come la nuova Ghiaia, la sede dell’Authority (che abbiamo completato e che sarà inaugurata a breve), la nuova stazione, il ponte Europa, la Scuola Europea e la riqualificazione del comparto Pasubio, che non si potevano fermare e che quando saranno terminati renderanno Parma ancora più moderna e attrattiva.
Un’opera che invece ho deciso di fermare è stata la metropolitana, un progetto da 365 milioni di euro che il nuovo contesto economico rendeva insostenibile. Una rinuncia che i cittadini hanno condiviso, perché hanno compreso che era stata fatta nel loro interesse, ma che ho pagato cara.
La nostra è una città che non tollera certi sgarri e certa autonomia della politica, soprattutto quando in ballo ci sono affari milionari.
Parma però oggi non ha bisogno di continui scontri frontali, di pubblicità negativa sui giornali locali, nazionali ed europei, di delegittimazione pregiudiziale di ogni progetto, di insulti, urla e odio riversati in piazza.
Sono sicuro che la maggioranza moderata e perbene dei parmigiani saprà giudicare quanto accaduto senza però cancellare le conquiste e i benefici di 15 anni di buon governo della città.
Per questo oggi faccio un passo indietro e mi faccio carico anche di responsabilità non mie, se può aiutare la città a ritrovare la serenità e le condizioni per ripartire.
Ripartire dagli oltre 70 milioni di euro di fondi inizialmente destinati alla metropolitana, che siamo riusciti, tra grandi difficoltà, a portare a casa e che permetteranno, in questi tempi di crisi, di completare la nuova stazione, di costruire case di edilizia sociale, di portare a termine tanti altri progetti veramente utili.
Un risultato politico che era a portata di mano ma che nessun commissario avrebbe potuto raggiungere. Per questo, non per attaccamento alla poltrona o alla carriera politica, sono rimasto al mio posto in questi mesi, nonostante tutto.
Io lascio da persona onesta che ha sempre lavorato per il bene della nostra città.
Ringrazio tutti i cittadini di Parma che in questi anni mi hanno dato fiducia, i tanti che continuano a dimostrarmi il loro affetto, e mi scuso con quanti ho deluso. Io ce l’ho messa tutta.
L’amore per Parma mi ha guidato in questi anni, e continuerà a guidarmi anche in futuro, se i parmigiani lo riterranno. Questo è l’impegno a cui non mi sottrarrò mai".
 Pietro Vignali

Vignali non è caduto in disgrazia per aver detto no alla metropolitana. E' caduto in disgrazia per aver dato fiducia a dei disonesti.
Il sindaco lascia in eredità una spaventosa mole di debiti (le opposizioni parlano di oltre 600 milioni) alimentata dalla frenetica attività delle partecipate. Ma se fosse solo per i debiti, Vignali sarebbe ancora al suo posto. Molte altre città, che per aggirare il patto di stabilità, hanno legittimamente dato vita allo stesso sistema, non se la passano meglio di Parma ma i loro sindaci non sono nemmeno sfiorati dall'idea di dimettersi. Sotto i portici del Grano non abbiamo mai assistito a manifestazioni di protesta contro l'indebitamento del Comune. Gli «indignados» sono scesi in campo solo dopo gli arresti di giugno, non prima.(fonte)


Link:
Tangenti, si dimette il sindaco di Parma «Lascio da persona onesta»
Vignali: "Ho scelto persone sbagliate. Non potevo immaginare quanto è successo a Bernini"
Altri 14 indagati a Parma, assessori o ex amministratori

Nessun commento:

Posta un commento