mercoledì 14 dicembre 2011

Calimero piange il papà, Perogatt.

Dice la foto, a fianco, "Un omaggio agli amici da Perogatt" ed invece questo mio vuol essere "Un omaggio agli amici di Perogatt."
  Maria, Paolo, Luisa e Stefano Peroni comunicano a tutti che Carlo Peroni Perogatt è venuto a mancare ieri sera 13 dicembre alle 19.30
"Non ha sofferto, è volato via in un attimo breve come il battito d'ali d'una farfalla che vola sorridente verso un luogo felice".  

Ed il mio pensiero è volato ad un tredici dicembre di tanti anni prima, ed alla gioia quando santa Lucia mi aveva portato in dono un piccolo Calimero. Adoravo quel personaggio del carosello televisivo ed io orgogliosamente lo portai a scuola per farne mostra  ai miei compagni di prima elementare. Ma la maestra non  gradì la cosa e Calimero venne appeso ad un chiodo per qualche mese...


Carlo Peroni ... Un grande!
Nato a Senigallia (Ancona) il 29 novembre 1929, ha iniziato la sua carriera nel 1948 collaborando con Il Giornalino, ma ha lavorato anche per Il Vittorioso, Corriere dei Piccoli, Guerin Sportivo e poi per la RAI e tantissime altre cose. Qui la sua biografia.
Tanti gli articoli degli amici  e grande lo sconforto per la morte di Carlo Peroni, in arte Perogatt, il fumettista, papa' di numerosi personaggi tra cui Calimero, Draghiottino, Slurp, Gianconiglio, Zio Boris, Nerofumo, Paciocco, l'Ispettore Perogatt.
CIAO A CARLO PERONI - PEROGATT di Luca Boschi

http://www.perogatt.com/images/c.peroni.jpg
Carlo Peroni come amava disegnarsi tra i suoi personaggi


[...]mi lasciarono libero di realizzare una puntata del Carosello per la Mira Lanza con quello che meglio credevo. Per fare prima mantenni l'ambiente nella fattoria in campagna, ma ci studiai una storiellina: dal pollaio usciva un uovo e si intravedevano le zampe sotto: evidentemente dentro c'era un pulcino; infatti in pochi fotogrammi si poteva vedere che era completamente bianco; questi, non vedendoci tanto bene, per via del mezzo guscio che aveva in testa, girava a zig-zag ed alla fine cadeva dal pollaio e terminava in una pozzanghera molto scura. Da qui poi ne usciva, completamente nero, e con ancora una parte del guscio in testa (questo rimasto bianco). Poco tempo prima avevo notato in una cascina della campagna bergamasca che un pulcino aveva ancora un pezzo di guscio in testa; la contadina mi spiegò che a volte quel fatto succedeva, così pensai di lasciare al personaggio quella parte di guscio in testa. Ma questo pulcino (ora diventato nero) girava per andare a cercare la sua mamma, ma questa non lo riconosceva come suo, dato che lei aveva solo pulcini bianchi e lui era nero. Allora proseguiva la ricerca... Alla fine incontrava una olandesina che lo prendeva in mano, commentando che lui non era nero, ma solo sporco e lo immergeva brevemente in una tinozza dove aveva messo del detersivo e Calimero (il nome lo avevo messo perchè doveva far rima con nero e mi ero ispirato al nome della via che era proprio nella vietta accanto all'ingresso della ditta: "via San Calimero" dalla quale passavo ogni volta che mi recavo al lavoro, a Milano, in Corso di Porta Romana) ne usciva bianco! E da qui si collegava con il filmato pubblicitario finale. Come avevo detto, quella avrebbe dovuto essere una puntata isolata, ma i responsabili della Mira Lanza lo videro ed a loro piacque molto e dissero che quello sarebbe stato il loro nuovo Carosello! (da IL PRIMO CALIMERO - PeroBlog)
gianc
Bianconiglio
















http://www.perogatt.com/immaginario/immagini/aspirina-.JPG
Aspirina

http://www.perogatt.com/immaginario/immagini/Cop-mon-lum.JPG
Mondo Lumaca

PS: l'omaggio di Fabio Magnasciutti



non sono razzisti, sono diversamente merde
Etichette: carlo peroni, fascisti, firenze, magnasciutti, razzisti


l'omaggio di Marilena Nardi 

Ciao Perogatt
e ... grazie

 




L'omaggio di Paride Puglia:

http://2.bp.blogspot.com/-iqTG2ALgzlY/Tuxigd8S1RI/AAAAAAAADDg/EwXNiqWduTQ/s400/v2380.JPG


Ciao, Perogatt
Paride Puglia



L'omaggio delle Strisce Bavose

Ciao Perogatt!



***

Nessun commento:

Posta un commento