venerdì 1 maggio 2015

Libertà di espressione in Europa

Per tutti gli amanti della satira un E-book scaricabile gratis
 sulla "Libertà di espressione in Europa" a cura di Thierry Vissol e Dino Aloi.

New free E-book in italian on "Freedom of expression in Europe" with many cartoonist contributions. Edited by Thierry Vissol and Dino Aloi



Commissione europea
RAPPRESENTANZA IN ITALIA

Libertà di espressione
in Europa

A cura di:

Dino Aloi e Thierry Vissol

Prefazione di Lucio Battistotti

Sinopsi:
"Elemento fondamentale della democrazia, diritto inviolabile e inalienabile della persona, la libertà di espressione rimane un diritto il cui contenuto e quello dei temi ad esso collegati (tolleranza, rispetto, responsabilità…) possono condurre a molteplici declinazioni e sfumature. Per ciò rimarranno materie non consensuali se non quando conflittuali.

Dopo un riassunto dello stato delle legislazioni nell’Unione europea, delle sentenze della Corte europea dei diritti umani e di quelle della Corte di giustizia europea, questo libro propone una riflessione sui limiti che dovrebbero, o no, inquadrare questa libertà in una società democratica e tollerante. Se fosse il caso, come definire questi limiti? Chi dovrebbe farlo? Secondo quali criteri condivisi? Gli autori, giuristi, storici, giornalisti, scrittori, vignettisti satirici, propongono una varietà di punti di vista che riflettono il dibattito attuale. Un libro illustrato dal talento di decine di vignettisti italiani e non."

Summary In English:
"Fundamental element of Democracy, inalienable and inviolable Human right, freedom of expression remains a right which content and that of linked themes (tolerance, respect, responsibility...) can be understood in multiple declination and shades. Because of this difficulty, it will remain a non-consensual matter if not conflictual.
After summing up the legislation state at International and European level, the positions of the European Court of human rights and of the European Court of Justice, this book propose a reflexion on limits that should, or should not, be put to that liberty in democratic and tolerant societies. If limits should be created, how to define them? Who should define them? With which kind of criteria? The authors, lawyers, historians, journalists, writers, cartoonists present a variety of points of views that reflect the present debate on this theme.
The book is illustrated with cartoons of dozens of cartoonists from Italy and from other countries of Europe and not only, as well as by historical cartoons from the beginning of the nineteenth century."

Résumé en Français:
"Elément fondamental de la démocratie, droit de l'homme inviolable et inaliénable, la liberté d'expression demeure un droit dont le contenu et les thèmes qui lui sont liés (tolérance, respects, responsabilité) peuvent être compris de multiple façons. ^pour cette raison, ils resteront des concepts non consensuels sinon conflictuels.
Dans un premier temps, ce livre présente succinctement l'état des lieux en matière de législations internationales et européennes, les positions de la Cour européenne des Droits de l'Homme et de la Cour de Justice européenne. Dans un second les différents auteurs (juristes, écrivains, journalistes, historiens, éditeurs, et dessinateurs satiriques) présentent une palette de point de vue sur la nécessité ou non de mettre des limites à cette liberté. Si des limites devaient être mises, comment les définir? Qui devrait les définir? Sur base de quels critères?
Le livre est illustrés par de très nombreux dessins satiriques sur le thème,  œuvres de dessinateurs italiens et européens et par des dessins satiriques du début du vingtième siècle."

Agim Sulaj, © dell’autore

Indice:

Lucio Battistotti:
“La libertà di espressione nelle politiche europee”.
I valori dell’Ue sono la democrazia e i diritti inviolabili e inalienabili della persona.
Entrambi richiedono la libertà di espressione, indispensabile peché la democrazia
possa esistere in società dove l’uomo possa svilupparsi.

Ewelina Jelenkowska-Luca’:
“Libertà di espressione e diritto europeo”.
Oggi nell’Ue non esiste un quadro unico che definisce e protegge i diritti fondamentali,
in particolare la libertà di espressione e la libertà di stampa. Il loro quadro giuridico è multistrato, complesso
e in evoluzione.

Thierry Vissol:
“Libertà di espressione?”.
La libertà d’espressione e i temi ad essa collegati: tolleranza, rispetto, responsabilità,
libertà di stampa, satira… sono concetti polisemici, per i quali spesso trovare un’interpretazione condivisa da tutti, persino nei testi giuridici o nelle convenzioni internazionali, è difficile, se non impossibile.

Jean-Pierre Gueno:
“Rispetto e libertà d’espressione”.
Il registro dei danni che possono comportare pratiche blasfematorie o profanatorie non si colloca forse sul terreno della ferita morale o spirituale? Se nulla costringe l’uomo libero a
condividere certi dogmi religiosi, certe dottrine che ne sono derivate, è ammissibile giustificare che manchi di rispetto a coloro che le hanno adottate ?

Roberto Casati:
“Libertà di espressione: blasfemia, laicità, offesa e danno”.
Se la questione della blasfemia è, come dovrebbe essere, una questione di sensibilità alle offese, allora tutte le sensibilità devono venir prese in considerazione, anche quella dei non credenti.

GianPaolo Accardo:
“Libertà di stampa e libertà di espressione il punto di vista di un capo redattore”.
La vicenda di Charlie Hebdo e delle “vignette sataniche” pone ai responsabili dei media un dubbio nuovo e inedito nelle democrazie occidentali. Sono pronto a correre il rischio di una condanna per diffamazione per un articolo che non è piaciuto a questo o quest’altro gruppo. Ma
sono pronto a rischiare l’incolumità fisica, mia e dei miei giornalisti per pubblicare una notizia? Un tipo di interrogativo che ben conoscono i loro colleghi dei paesi in preda a guerriglie e regimi dispotici.

Chiara Mezzalama:
“Espressione di libertà”.
Come scrittrice ho il dovere di continuare a farmi delle domande ma devo poterlo fare liberamente; se cominciassi a mettere dei limiti ai miei ragionamenti, arriverei ben presto a negare il senso stesso della letteratura che è quello di andare a cercare la verità per quanto dura, oscena, introvabile o terribile essa sia.

Dino Aloi:
“La libertà di espressione che avanza... Non mettetela in frigo”.
Amare e difendere una cosa, per il sacrosanto principio della libertà non significa
necessariamente condividerla e tantomeno riproporla in una sorta di imposizione agli altri.

Thierry Vissol:
“La satira fondamento della democrazia europea”.
Satira e caricatura sono state, almeno dai tempi della civiltà greca, al centro della cultura e della politica europea, quali elementi di contrappeso contro i poteri dominanti che siano politici o religiosi, soprattutto quando i due sono intrecciati.

Fabio Norcini:
“La morale della satira”.
A differenza delle forme letterarie, teatrali, cinematografiche, musicali, e via dicendo, il disegno satirico possiede una caratteristica peculiare: può arrivare al significato senza pagare pedaggio al significante. Può, quindi, fare a meno di quegli involucri che sono le parole per
giungere direttamente al suo obbiettivo”.

Vignette di: 
Anto, Dino Aloi, Gianni Audisio, Mauro Biani,
Maurizio Boscarol, Cecigian, Jean-Marc Collier (Belgio),
Corvo Rosso, Stefano Disegni, Marco De Angelis,
Tom Janssen, (Olanda), Kap (Spagna), Kutal (Turchia),
Walter Leoni, Massimiliano Martorelli, Mellana,
Ramses, Sergio Staino, Stephififo (Thailandia),
Serguei Tiunin (Russia), Tomo (Slovenia),
Agim Sulaj, Gianfranco Uber, Jugoslav Vlahovic (Serbia).

Mauro Biani, © dell’autore


Convenzione dei Diritti dell’uomo (1948). 
Articolo 19:
1. Ogni individuo ha diritto a non essere molestato per le proprie opinioni.
2. Ogni individuo ha il diritto alla libertà di espressione; (...)
3. L’esercizio delle libertà previste (…) comporta doveri e responsabilità speciali,
può essere pertanto sottoposto a talune restrizioni che però devono essere espressamente
stabilite dalla legge ed essere necessarie:
a) al rispetto dei diritti o della reputazione altrui;
b) alla salvaguardia della sicurezza nazionale, dell’ordine pubblico, della sanità o della morale pubbliche.

Trattato sull’Unione europea (TUE),
Preambolo:
“Ispirandosi alle eredità culturali, religiose e umanistiche dell’Europa, da cui si sono sviluppati i valori universali dei diritti inviolabili e inalienabili della persona, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza e del stato di diritto… (I capi di stato e di governo) hanno deciso di istituire L’Unione europea.”

Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (TUE) 
Articolo 11:
1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.
2. La libertà dei media e il loro pluralismo sono rispettati.

Ramses Morales, © dell’autore

-------------------------------
Nota: la vignetta in copertina è di KAP

Nessun commento:

Posta un commento